content top
Zone cutanee e Fiori di Bach

Zone cutanee e Fiori di Bach

Il metodo di selezione dei Fiori di Bach attraverso le zone cutanee è da attribuire in tutto e per tutto all’enorme ed importante lavoro svolto da Dietmar Kramer ed Helmut Wild alla fine degli anni ’80.

Dal mio punto di vista è quanto di meglio e più riuscito si possa trovare come prosecuzione del lavoro svolto da Edward Bach. Almeno sino ad oggi.

Anzi direi di più: a partire dal lavoro di Edward Bach forse è stato proprio Kramer con l’aiuto di alcuni suoi validi collaboratori, in primis appunto Wild, a portare i primi veri e significativi contribuiti aggiuntivi ed innovativi a quanto di straordinario era stato creato dallo scopritore del metodo cioè Edward Bach.

Questo metodo di utilizzo “zone cutanee e fiori di Bach” a scopo terapeutico va collocato a livello di piano “eterico” e non fisico o se vuoi, più precisamente, tra il piano eterico e quello fisico.

Anche in questo caso, come quello dell’analisi degli organi interni, con questo metodo non si agisce più sul piano preventivo, come usualmente si utilizzano invece i Fiori di Bach (i fiori curano infatti stati emotivi “deviati”), bensì su quello eterico/fisico.

Per far questo Kramer e i suoi collaboratori hanno definito delle zone cutanee topografiche dove ad ogni centimetro della nostra pelle corrisponde uno specifico e determinato Fiore di Bach.

Le zone cutanee possono essere attive oppure mute.

Se vuoi saperne di più su questo metodo di scelta iscriviti alla mia newsletter (vedi menu a destra in cui potrai inserire il tuo nome e casella di posta elettronica) o invia un commento a questo post oppure una mail a info@testfioridibach.it chiedendo espressamente di essere iscritto alla newsletter periodica.

Puoi inoltre scaricarti da subito lo special report gratuito “come scegliere i Fiori di Bach in maniera certa ed autonoma” entrando in questa pagina.

Se vuoi invece accedere all’area del “training online” per imparare a scegliere in maniera autonoma e certa i Fiori di Bach per Te approrpiati clicca qui

Ti aspetto a presto!

Matteo Pasqualini


7 Responses to “Zone cutanee e Fiori di Bach”

  1. berardo ha detto:

    Quali sono i libri sulle zone cutanee e fiori di bak, me li potrebbe citare per favore,grazie,cmq i suoi articoli sono interessanti.

  2. andrea ha detto:

    il n 3 micontro gli stati emotivi e ok nn so se e specifico per cuel tipo di disagio ma funziona un saluto andrea

  3. cristina ha detto:

    molto interessante,anch’ìo vorrei sapere di piu’ sui fiori e relative zone cutanee-grazie-

  4. Fabrizio ha detto:

    Mi interessa sapere di più sull’argomento Fiori di Bach e zone cutanee. Come posso ottenere più informazioni considerato che credo di essermi già iscritto alla newsletter periodica al momento in cui ho scaricato lo Special report?

  5. Matteo ha detto:

    Ciao Fabrizio. Sullo specifico trovi ampia documentazione all’interno del nostro corso online: http://www.testfioridibach.it/come-scegliere-i-fiori-di-bach.html . Matteo

  6. simonetta ha detto:

    ciao a tutti,voi consigliare a Berardo, Cristina e Fabrizio che chiedevono approfondimenti per quanto riguarda zone cutanee e Bach..leggete: nuove terapie con i fiori di bach volume 1 vol 2 vol 3 di Dietmar Kramer mediteranee edizioni.è anche disponibile la mappa topografica delle zone cutanee secondo Kramer. Un caro saluto

  7. Luca ha detto:

    salve, è molto interessante l’argomento, ho visto che le mappe si trovano ad esempio anche qui:
    http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__fiori-di-bach-topografia-delle-zone-cutanee-secondo-kramer.php

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *