Schede fiori di Bach: il metodo di scelta "fai da te" | Il Blog dei Fiori di Bach
content top

Il metodo “fai da te”: le schede dei Fiori di Bach

schede fiori di BachIl metodo di scelta attraverso la lettura delle schede dei fiori di Bach è il metodo iniziale che molti di noi hanno applicato. Si acquista un libro con all’interno le schede che descrivono i 38 Fiori di Bach. Si inizia a leggere scheda dopo scheda annotando su di un foglio i Fiori che, dalla lettura, ci sembrano più appropriati per noi.

Alla luce dei miei studi e prove empiriche effettuate nel corso degli anni, non lo considero un metodo di procedere corretto (a meno che per te questa sia solo una fase di apprendimento giusto per comprendere cosa trattano nello specifico i Fiori di Bach).

Se vuoi saperne di più sul perchè non lo consideri il migliore dei metodi di scelta iscriviti alla mia newsletter (vedi menu a destra in cui potrai inserire il tuo nome e casella di posta elettronica) o inviando un commento a questo post oppure una mail a info@testfioridibach.it chiedendo espressamente di essere iscritto alla newsletter periodica.

Puoi inoltre scaricarti da subito lo special report gratuito “come scegliere i Fiori di Bach in maniera certa ed autonoma” entrando in questa pagina.

Se vuoi invece accedere all’area del “training online” per imparare a scegliere in maniera autonoma e certa i Fiori di Bach per Te approrpiati clicca qui

 

Ti aspetto. A presto!

Matteo Pasqualini


6 Responses to “Il metodo “fai da te”: le schede dei Fiori di Bach”

  1. Elena ha detto:

    Sono molto interessata anche a questo argomento. Ti ho gia fatto richiesta dandoti i miei dati,in pag precedente. MA non so se vale solo per l’argomento di quella pag.Allora per sicurezza ti rido i miei dati perchè anche l’argomento di questa pag mi interessa. grazie per i preziosi consigli

  2. Vale ha detto:

    Salve, vi scrivo perchè volevo avere più informazioni sui fiori di bach e su quali eventualmente utilizzare.
    Vi spiego la situazione.
    Un mesetto fa ho incominciato a soffrire di ansia, attacchi veri e propri, mi sudavano le mani e i piedi, mal di stomaco e anche di notte mi svegliavo agitata e col cuore a mille.
    Poi però sono stata meglio.
    Ora a distanza di un mese, mi è tornata quest’ansia, però è diversa, ho paura di fare qualcosa di brutto, mi sembra cos’ brutto scriverlo, ma è così, mi vengono pensieri negativi, la mente è piena di pensieri e davvero mi sembra di impazzire e anche adesso che vi sto scrivendo mi sento come un nodo in gola; vorrei vivere tranquillamente, ma in questo modo è impossibile.
    Leggendo i vari fiori ho letto che cherry plum potrebbe fare al caso mio, ma anche rock rose dato che a volte mi viene ansia e non so nemmeno io il perchè, oppure anche l’Aspen…
    Ho letto che è possibile combinare più fiori, ma poi come funziona il tutto?i fiori insieme non potrebbero annientare l’uno l’effetto dell’altro o scatenare qualcos’altro?ho letto da qualche parte che si miscelano con il brandy?io vorrei acquistarli ma davvero ho troppi dubbi..mi date delle delucidazioni?ho scritto troppe cose, spero mi rispondiate presto e potrete aiutarmi in qualche modo a risolvere i miei dubbi e consigliarmi anche voi…
    Grazie..

  3. Matteo ha detto:

    Ciao Valentina. Purtroppo come scritto in privato è un pò difficoltoso darti indicazioni basandoci sulle informazioni da te fornite. Attacchi d’ansia, panico, ecc. possono esser generati da cause differenti e quindi anche i fiori corretti non possono essere definiti attraverso schemi precostituiti. Sicuramente dalla tua analisi “razionale” l’unico fiore che tin sentirei di indicarti è cherry plum. Per il resto sarebbe necessario farti un test di verifica (ma se mi conosci un pò, non razionale).

    Per quanto concerne la composizione dei fiori e le altre due domande ti sottopongo questo mio articolo: http://www.testfioridibach.it/test-vibrazionali/perch-usare-pi-7-fiori-bach-contemporaneamente-rumore-vibrazionale/ . Li potrai trovare delle prime utili, spero utili, indicazioni.

    Sfoglia poi il nostro blog tra gli argomenti, domande risposte personali e del forum troverai molto altro materiale che ti potrà guidare nella scelta corretta.

    A proposito, se vuoi propongo a questa pagina http://www.testfioridibach.it/come-scegliere-i-fiori-di-bach.html un corso dove insegno a scegliersi personalmente i fiori di Bach corretti per l’attuale situazione psico-emotiva che stiamo vivendo.

    Ciao. Un abbraccio!

    Matteo

  4. anna ha detto:

    ho dato a mia figlia i fiori di bach quando era piccola…consigliandomi cn la farmacia che li preparava,…ottimo risultato ma ci vuole costanza …..

  5. Riccardo ha detto:

    ciao Matteo, vorrei farti alcune domande: la prima riguarda appunto le schede dei fiori, perchè su internet si trovano libri che contengono anche fino a 72 schede, considerando che i fiori ne sono soltanto 38? Inoltre, seconda domanda, per quanto riguarda il test sulle vibrazioni, si dice che sono le nostre mani a fornire i segnali necessari per comprendere se quel fiore che stiamo testando è giusto o meno ma nello specifico come avviene questo test? Se non erro si tengono tra le mani le boccette dei fiori senza sapere quali sono nello specifico? Ma i preparati non hanno una scadenza? Questo vuol dire sostitutire ad ogni scadenza le boccette e quindi spendere sempre soldi per tale preparazione?
    Grazie

  6. Matteo ha detto:

    Ciao Riccardo.
    Non lo so proprio perchè vi siano libri con 72 schede visto che i fiori sono 38… In tutta sincerità non li ho mai trovati 🙂
    Si nel test vibrazionale sono le mani a dare il segnale se un fiore sia corretto o meno. E’ molto difficile spiegarlo così da un blog. Ho un corso molto approfondito su questo tema: http://www.testfioridibach.it/come-scegliere-i-fiori-di-bach.html

    Si è vero, meglio non guardare il fiore che tieni in mano, questo per non attivare il tuo mentale.

    Per fare il test, i fiori non vanno cambiati in continuazione. E’ la vibrazione che conta non il preparato.

    Ci sono fiale test che durano alcuni anni. All’inizio le boccette me le preparavo personalmente e duravano anche due tre anni.
    Nessun problema quindi, vai tranquillo!

    A presto!
    Matteo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *