content top
Perché non usare più di 7 fiori di Bach contemporaneamente? Il rumore vibrazionale

Perché non usare più di 7 fiori di Bach contemporaneamente? Il rumore vibrazionale

Come ci indicava proprio Edward Bach va lasciata a tutti noi la massima libertà nella scelta di come utilizzare al meglio i Fiori di Bach.

Il metodo che è stato sviluppato dallo scopritore voleva essere infatti nei suoi intenti il più semplice e perciò alla portata di tutti noi.

E così infatti è stato ed è a tutt’oggi, visto che oramai questo metodo di riequilibrio psico-emotivo è diffusissimo a livello planetario ed è alla porta di tutti noi.

Tuttavia le moderne metodiche di scelta dei fiori di Bach soprattutto attraverso i cosiddetti metodi vibrazionali di scelta (http://www.testfioridibach.it/test-vibrazionali/test-vibrazionali-scelta-fiori-bach/ ) hanno oramai dimostrato in maniera incontrovertibile che oltre un certo numero di Fiori non andrebbero somministrati contemporaneamente.

Alcune scuole parlano di 5 altre di massimo 7 fiori per boccetta.

La conseguenze di un numero maggiore di fiori somministrati contemporaneamente?

Il rischio di ottenere un cosiddetto “rumore vibrazionale” che andrebbe a vanificare l’effetto positivo dell’ energia sottile più informazioni di riarmonizzazione “trasportati” da ciascun fiore.

Per cui il consiglio che mi sento di darti è comunque di non miscelare mai più di 5/7 fiori contemporaneamente.

Chiudo questo post con un concetto di Roberto Zamperini (un mio mito vivente in tema di “energie sottili e terapie vibrazionali”) espresso in tema di rumore vibrazionale. E’ stato tratto dal suo libro “energie sottili e la terapia Energo-Vibrazionale” edito da Macro Edizioni ( se sei un appassionata/o di questo argomento ti consiglio vivamente di acquistarlo!):

Che succede se troppe informazioni vengono inviate contemporaneamente?

Attraverso questo quesito Roberto Zamperini spiega che il concetto di rumore vibrazionale può essere “parametrato” a quello di una stanza nella quale più persone parlano istantaneamente. Nel momento in cui il loro numero sarà superiore ad una determinata soglia di tollerabilità oppure le stesse discutano contemporaneamente di aspetti totalmente differenti gli uni dagli altri, diventerà difficoltoso per chi sta ascoltando capirci qualcosa.

La stessa identica cosa, continua Zamperini, avviene nelle terapie vibrazionali nel momento in cui andando a miscelare più fiori le informazioni in essi contenute si andranno a sovrapporre veicolando non più informazioni bensì del rumore vibrazionale.

Mi pare che spiegazione più chiara sul concetto di “rumore vibrazionale” non avremmo potuto ottenere.

Un cordiale saluto da Matteo Pasqualini


21 Responses to “Perché non usare più di 7 fiori di Bach contemporaneamente? Il rumore vibrazionale”

  1. Roberto ha detto:

    Grazie del mitico! Ottimo il tuo Blog! Davvero ottimo.
    RZ

  2. Matteo ha detto:

    Miglior commento non avrei potuto ricevere cari lettori. Il mio “mito” Roberto Zamperini che lascia la sua “firma” nel mio piccolo blog.

    A parte il fatto che risponderò personalmente via mail a Roberto, ma sapete chi è Roberto Zamperini?
    Per chi ancora non lo sapesse è lo scienziato delle energie sottili.

    Il primo studioso che ha affrontato questo tema così delicato e un po’ osteggiato dalla “scienza ufficiale” in maniera metodica, rigorosa e, dal mio piccolo punto di vista, certa.

    Per chi è interessato al tema delle energie sottili c’è un passaggio obbligato e si chiama Roberto Zamperini e la sua enorme produzione letteraria e non.

    Ho scoperto casualmente il suo blog e ve lo consiglio: http://zaro41.wordpress.com/ . Vi troverete un mondo di informazioni, corsi, seminari, ecc. relativi ai temi delle energie sottili e non solo.

    Intanto grazie Roberto.

    Namastè.

    Matteo

  3. ELISA ha detto:

    mi piace molto questo sito e trovo sia molto utile e semplice da comprendere anche per chi non e’ del mestiere.
    complimenti

  4. Matteo ha detto:

    Grazie mille Elisa 🙂

    A presto!

    Matteo

  5. Saverio ha detto:

    E’ un sito molto interessante perchè fa capire davvero come funzionano i fiori di Bach e le miscele che con essi si ottengono.

  6. Saverio ha detto:

    Salve! Premetto che ho cominciato anche io ad assumere i fiori di Bach in composizione personalizzata in una boccetta da 30 ml (gocce).
    Mi è stato consigliato di assumere 4 gocce per 4 volte al giorno.
    Ora, vorrei sapere quanto tempo in media deve intercorrere tra una somministrazione e l’altra nell’arco della giornata. Ringrazio in anticipo.

  7. Matteo ha detto:

    Ciao Saverio. L’indicazione che hai ricevuto è corretta: 4 gocce per 4 volte al giorno. Usualmente i fiori di Bach si assumono la mattina appena alzati e la sera prima di coricarci. Le altre due volte a mezzogiorno prima di mangiare ed idem la sera prima di cenare. Però considera che queste sono indicazioni di massima veramente di massima. Di solito, quando opero come terapeuta, lascio molta libertà a chi assume i fiori. L’indicazione che do è: ” prendili quante volte vuoi e quanto te lo senti”.
    Secondo alcune scuole di pensiero si consiglia di rispettare il 4×4 perchè assunzioni maggiori non sortiscono alcun effetto aggiuntivo. La mia esperienza diretta in primis di “assuntore” dei fiori di Bach per svariati anni e poi per chi li seleziona mi porta a dire che questo non è sempre vero. Mi sono trovato talvolta a versare e bere direttamente molto più delle 4 gocce e a svuotare letteralmente una boccetta da 30 ml. in due tre giorni. Era ed è come “bere” cioè un’esigenza primaria e insopprimibile.
    Anzi ti dirò di più e spero che leggano in molti questa mia affermazione: l’aver fatto centro nella selezione dei fiori di Bach trova la sua cartina tornasole proprio nel sentire la necessità di assumere i fiori anche più delle 4 volte canoniche. Se inizi a scordarti di assumerli anche nei 4 momenti prescritti è molto probabile che i fiori non siano corretti per l’attuale tua situazione psico-emotiva oppure abbiano terminato il loro effetto. Penso perciò di averti risposto. Un caro saluto e a presto! Matteo

  8. Caterina ha detto:

    CIAO A TUTTI, E DA UN MESE KE USO I FIORI DI BACH FLOWER “EMERGENCY REMEDY” MA SINCERAMENTE NN VEDO ALCUN RISULTATO UNA MIA AMICA CHE ANKE LEI COME ME SOFFRE DI ANSIA USA LA STELLA DI BETLEMME DICE KE E OTTIMA VORREI PROVARE ANKE QUESTE X AVERE MAGARI UN RISULTATO BUONO! ANKE SE TUTTI MI DICONO KE PRIMA DI ASSUMARE I FIORI DI BACH CI VUOLE UN TEST X CAPIRE QUALE FIORE E PIU’ INDICATO ALLA SITUAZIONE, QUALCUNO PUO’ AIUTARMI??? A CAPIRE QUALI SN PIU’ INDICATI? O ANSIA ANGOSCIA PAURA E UNA PALLA NELLO STOMACO SENTO DISGUSTO DELLA VITA E O PAURA KE MI VIENE UN ATTACO DI PANICO QUANDO ESCO E MI ALLONTANO DA CASA GRAZIE ANCORA.

  9. Matteo ha detto:

    Ciao Caterina. Non so se sia una tua iniziativa personale ma il rescue remedy (immagino ti riferisci a questo scrivendo emergency remedy) non va assunto per un mese di fila ma solo nei momenti di emergenza fisica e/o più spesso emotiva. Vai alla nostra sezione sul rescue remedy http://www.testfioridibach.it/category/rescue-remedy/ e leggi un pò cosa diciamo in proposito.

    Star of Bethlehem (già contenuto nel rescue remedy) è un ottimo fiore in effetti che, a mio avviso, andrebbe sempre preso in considerazione nelle prime somministrazioni di fiori. Per me la sua assunzione fu una vera e propria liberazione.

    In effetti questo è il sito dei test dei fiori di Bach. Quindi direi che sei arrivata nel posto giusto. Nel menu adiacente trovi tutti i vari test/metodi possibili ed immaginabili per selezionarti i fiori.
    Chiaramente diamo una serie di informazioni di entrata che potrai approfondire verificando dalla rete internet altre pagine di spiegazione, leggendo libri sul tema oppure (scusami se mi permetto) acquistando il nostro corso multimediale in merito. Attraverso esso avrai sicuramente la possibilità di verificare in dettaglio tutte le possibilità di scelta. In caso lo trovi alla pagina: http://www.testfioridibach.it/corso-online/ .

    Ascolta, passando ora alla tua situazione che chiaramente non può esser oggetto di mercificazione. Penso che i fiori ti possano dare una grossa mano rispetto a quanto scrivi. Ricorda però che loro ti tracceranno la strada, ti mostreranno la luce in fondo al tunnel. Quindi ti accompagneranno verso la soluzione di tali aspetti, ma parimenti dovrai metterci molto del tuo. Molto del tuo vuol dire riappropriarti di ciò che ami veramente nella tua vita, di ciò per cui sei venuta a questo mondo. Attacchi di panico, ansia e depressioni sono “solo” energia repressa che si manifesta appunto o con il panico, o con l’ansia o con la voglia di non vivere. Arrivano per dirci “Caterina così non va bene; non puoi andar avanti” e ti chiedono un cambiamento. La palla allo stomaco che descrivi è una sintomatologia esatta e coincidente rispetto agli effetti emotivi che sei costretta a sopportare.

    Ricorda una cosa: i fiori che ti sceglieranno, o che otterrai da uno dei vari sistemi di selezione, guardali sempre nel senso di vederne il lato positivo che ti chiedono di sviluppare. Ogni fiore indica la virtù persa. E’ quella con il loro aiuto che va sviluppata per tornare in salute psico-emotiva.

    Un forte abbraccio e in caso sono qui.

    Matteo

  10. Caterina ha detto:

    Ciao Matteo, grazie ovviamente x il consiglio dato…! oggi e il 1 gg ke mi sento un pokino meglio rispetto ad altri gg, e spero ke nei prossimi gg sarà cosi’ la cosa buffa e ke da ieri non ho preso i fiori di bach, ovviamente li porto sempre cn me in caso di panico. ma oggi voglio recuperare i gg passati con l’ansia voglio superare questa paura ke mi perseguita da un mese, voglio vivere la vita in modo tranquilla!!!! o solo un piccolo particolare da fare anzi da superare! stasera esco e saro’ piu’ forte di questo maledetto panico ke mi impedisce di nn uscire e di starmene sempre rinchiusa in casa, quindi ke Dio me la mandi buona… ovviamente nn passerà subito ci vorrano dei gg,forse anke dei mesi… ma voglio rincominciare proprio da questo gg, e spero ke le altre persone ke soffrono di ansia, prenderanno spunto da questo piccolo coraggio ke o dentro di me…magari domani vi racconti come e andata…un abbraccio forte a tutti e a te Matteo!!!!

  11. Matteo ha detto:

    Ciao CATERINA. Grazie per renderci partecipi della Tua vita. Non è cosa da tutti/e. Così facendo dimostri un coraggio che ti aiuterà molto nel tuo percorso e che consentirà di mantenerti persona autentica e vera. Ritengo tu sia molto più vicina alla tua indole positiva di quanto possa immaginare per cui vedrai che piano piano quei fastidiosi sintomi li spazzerai via come neve al sole.
    Un consiglio che ti voglio dare se me lo permetti: c’è uno spazio dentro Te di quiete immanente, di pace totale. Li non c’è ansia, panico o altro che tenga. Se mai dovessero ripresentarsi regola 1 accetta ciò che arriva senza opporre resistenza; se li combatti, li nomini spesso li rafforzi (come se ne sono arrivati non preoccuparti se ne andranno);
    regola 2 vai in quel tuo spazio di pace assoluta. Lo troverai un puntino piccolo, ma di immenso valore per te. Ricordati che in quello spazio solo ed unicamente tuo non puoi esser attaccata.
    Accetta inoltre queste mie parole come fossero un tuo mantra: TUTTO VIENE TUTTO PASSA. E’ “solamente” il ciclo della Vita.

    Ascolta un ultimo dato. Se ti è possibile acquista RIZA PSICOSOMATICA. E’ una rivista mensile, che personalmente apprezzo molto, e che leggo da anni. E’ diretta dal professor Morelli che ho avuto il piacere di seguire durante alcuni suoi Corsi a Milano. Se ti è possibile leggila. Vi troverai utili informazioni specie con riferimento a quanto qui riferisci.

    Un grande abbraccio.

    Matteo

  12. Caterina ha detto:

    Ciao Matteo,oggi sono 3 gg ke mi sento sempre piu’ meglio… e o la sensazione di togliermi un peso dallo stomaco!!!! credimi x me e una soddisfazione enorme, sto facendo un lavoro interiore penso alle cose positive della vita e sto sfidando il panico nel senso: se ho paura di quella cosa, nn mi arrendo ma la sfido!!! grazie x il consigli dati, sei un vero amico!!! poi pian piano ti racconto cm và… un abbraccio forte e se x caso ho bisogno di un aiuto, magari un consiglio, “se mi permetti” nn esito a kiedertelo ciao a presto.

  13. Matteo ha detto:

    Ciao Caterina. Penso che ognuno abbia il suo modo per affrontare il disagio. Se tu hai trovato il tuo così facendo continua così. L’unica cosa che volevo dirti è un piccolo consiglio che a me ha giovato tantissimo. Quando inizi a star meglio non dirti mai ecco ora sto meglio. Goditi il tuo star meglio senza tanti ragionamenti e brinda alla sempre più ritrovata salute facendo, magari un poco alla volta, ciò che ami di più. Certo, non preoccuparti, per quanto posso volentieri.

    Un abbraccio.
    Matteo

  14. Maria ha detto:

    Ciao Matteo,
    da diversi mesi ho avuto la fortuna e il piacere d’incontrarti sulla mia strada; desidero innanzitutto complimentarmi con te per la serietà e la passione con cui tratti un tema che reputo molto interessante. Da alcuni anni ho scoperto e sono una convinta sostenitrice delle discipline olistiche, naturopatiche e di tutto quanto ruota intorno ad esse…compresa la floriterapia. Il mio approdo a questo universo immenso è stato casuale(anche se, a dire il vero, non credo nella casualità delle cose) e mi ha aperto le porte alla conoscenza di realtà davvero straordinarie, meravigliose, che non finiranno mai di stupimi. E’ un modo per crescere in consapevolezza attraverso quel viaggio interiore, finalizzato alla scoperta di noi stessi, del nostro sè.
    Mi diletto a preparare personalmente i fiori di Bach, mettendo in pratica le informazioni apprese da testi e letture varie sull’argomento, ma anche fidandomi della mia sensibilità e delle percezioni scaturite dall’osservare il comportamento dei soggetti a cui mi rivolgo, nonché, ascoltando il racconto della loro vita. A volte, dopo aver scelto i fiori, cerco conferme effettuando il test kinesiologico. Devo dire che seguendo il mio metodo semi-empirico, qualche soddisfazione l’ho ottenuta e questi piccoli successi sono preziosi per aumentare la mia autostima…piuttosto scarsa. Il mio desiderio, naturalmente, è di accrescere la conoscenza che ho, anche grazie al contributo reso dalla tua consolidata esperienza messa a disposizione di chiunque lo desideri, con grande umiltà. Apprezzo, inoltre, la possibilità di scambio e di confronto fra tutti coloro che commentano i tuoi articoli…è materiale prezioso.
    Grazie infinite, Matteo.
    Auguro vacanze serene e rigeneranti a te e a tutti.

  15. Matteo ha detto:

    Che bel sentire Maria. Nemmeno io credo nel caso, bensì in un percorso “sincronicistico” che ha come unico “obiettivo” farci realizzare per ciò che siamo venuti a questo mondo. Ritengo che il tuo modo di operare per la scelta personale dei fiori di Bach o per chi te lo chiede sia corretto: ascolto, sensibilità e tecnica (come quella kinesiologica). Per cui procedi così. Grazie mille per i tuoi pensieri e parole. A presto! Matteo

  16. Elena ha detto:

    Ciao Matteo, volevo ringraziarti per le bellissime cose che scrivi, e per questi commenti che riporti. Mi ha aiutato leggerti, a farmi capire meglio il senso dei fiori di Bach. Mi ha aiutato anche a capire CHE COSA HO DA AFFRONTARE a livello pratico.. una cosa IMPORTANTISSIMA DELLA MIA VITA, CHE DA ANNI MI TRASCINO DIETRO.. cioè i fiori, e ank leggerti, mi han messo piu chiaramente davanti al fatto che i miei sintom i son tutti legati a sta cosa..che è grossa e nn so come riuscirò. Inoltre leggerti, trovare tue mail nella mia posta, mi aiuta nei momenti difficili, quando mi ritiro nel mio modo del cavolo,tot depressa e chiusa in me, schiacciata dal problema. quando mi adagio. mi aiuta a ricordarmi che devo prendermi cura di me stessa.. grazie mille

  17. Matteo ha detto:

    Si Elena, vieni prima di tutto e tutti. Ricordalo. Quando ci si ri-trova si è bene prezioso per il Mondo intero. Un abbraccio e a presto! Matteo

  18. Orchidea (freia) ha detto:

    Come si fa a non dire grazie a matteo…è energia pura che sgorga per tutti quelli che ne hanno bisogno, senza negarsi senza aroganza ma con infinita dolcezza e serietà…
    Ottimo discepolo del dott.re Bach Sei una persona favolosa e unica!un bacio da chi ti vuole bene e ti ammira buone vacanze!

  19. Matteo ha detto:

    In effetti un pò di vacanze non fanno mai male aiutano a ricaricarci di sana energia…Talvolta dovremmo imporcele. C’è però vacanza e vacanza ed ognuno si ricarica come meglio crede. Da parte mia mi ritrovo se mi immergo nella natura spesso selvaggia e poco battuta dalla piste del turismo. Così ho fatto questa estate tra alte vette e mare cristallino. Grazie Freia, le tue parole sono uno sprone per andare avanti. Un abbraccio. ps. stima ricambiata ma questo già lo sai 🙂

  20. Elena ha detto:

    Ciao Matteo e ciao a tutti!
    Grazie per il prezioso supporto che ci dai condividendo il tuo sapere approfondito dei fiori di Bach!
    E’ piacevole e confortante trovare le tue mail con gli argomenti da poter seguire.
    I fiori di Bach sono davvero una grande scoperta che sto facendo e mi piace definirli “i miei nuovi amici”…perciò, di nuovo, grazie davvero per il tuo aiuto a far la loro conoscenza!
    Approcciando da poco i rimedi, come prima esperienza mi sono rivolta ad un’ erboristeria che, seguito breve colloquio, ha preparato la mia personale preparazione floreale che riporta nell’etichetta, oltre ad altri 4 fiori (Elm, Walnut, Olive e Chicory), anche il Rescue Remedy (nella classica boccetta da 30ml.)
    Li sto prendendo da una quindicina di giorni e mi sento meglio, ad alti e bassi…probabilmente nella misura in cui li lascio lavorare in pace, senza opporre resistenze, perchè possano aiutarmi e guidarmi! 🙂
    Leggendo quanto scritto in questo post, mi sono sorti dei dubbi in merito alla preparazione che sto prendendo… è da considerarsi comunque uso continuativo del Rescue Remedy anche se “diluito” e somministrato in maniera diversa dalla situazione di emergenza?
    E abbinato agli altri fiori, essendo già lui stesso il risultato della combinazione di 5 fiori, contribuisce a creare il rumore vibrazionale di cui parli?
    Ti ringrazio molto e auguro a te e a tutti un buon pomeriggio soleggiato di fine settembre.
    Elena

  21. Matteo ha detto:

    Ciao Elena.
    Hai fatto centro. Complimenti, vuol dire che segui con attenzione ciò che scriviamo. Per mia personale esperienza terrei separati i due preparati. Il rescue remedy ha infatti una valenza di supporto nei momenti di emergenza sia di natura fisica (traumi, incidenti, scottature, ecc. soprattutto) sia di natura psichica (shock, incidenti, paure improvvise, ecc.). Per cui il consiglio che posso dare e di non abbinare i 4 fiori che mi indichi più quelli del rescue remedy a meno che il tuo terapeuta non abbia specificato che l’abbinamento debba esser fatto solo per un periodo limitato nel tempo.
    Anche se ciò fosse, qualche dubbio però resterebbe….

    A presto e grazie per le tue parole,
    Matteo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *