rescue remedy: il rimedio di pronto soccorso | Il Blog dei Fiori di Bach
content top
rescue remedy: il rimedio di pronto soccorso

rescue remedy: il rimedio di pronto soccorso

Ciao!

Tra le mie attività nell’ambito del mondo dei Fiori di Bach ci sono i forum ai quali partecipo e dove volentieri lascio miei suggerimenti e commenti a chi propone domande e temi di discussione sulle principali problematiche di selezione dei fiori di Bach.

Ultimamente mi è capitato di rispondere ad alcune domande inerenti il preparato del rescue remedy tra l’altro ottenendo la votazione come “miglior risposta data” in Yahoo Answer.

Questi i due quesiti:

1)      Ciao! Ho iniziato da poco a prendere il rescue remedy in gocce dei fiori di Bach, qualcuno l’ha provato per un pò di tempo? Per quanto tempo si prende? Avete avuto risultati positivi?
Lo prendo per il mio carattere ansioso e paranoico diciamo…e per tranquillizzarmi occasionalmente 🙂 Grazie!

2)      Informazioni sul rescue remedy?

Salve a tutti ho comprato il rescue remedy in farmacia, volevo sapere delle informazioni aggiuntive poichè la farmacista è stata molto generica e volevo confrontarmi con chi ne facesse uso.
Brevemente vorrei raccontare meglio la situazione che sto vivendo in questo periodo. Circa dieci anni fa ho sofferto di attacchi di panico e forte senso di agorafobia che ho curato con l’aiuto di uno psicoterapeuta, dopo tre anni di sofferenze sono uscita da quella situazione e sono ritornata alla vita normale. negli ultimi mesi complice l’ansia per la laurea imminente, ho ricominciato a sentire di nuovo quello stato di agitazione che mano mano ha cominciato a rendermi insofferente verso qualsiasi evasione o divertimento, poi ho avuto quasi 20 gg fà un contrattempo con la tesi e l’ultimo esame e ho dovuto rimandare la laurea ad aprile. questo avvenimento ha modificato quella carica di adrenalina che avevo trasformando le mie emozioni in un turbine di costante senso di oppressione, inadeguatezza ed insicurezza! inoltre mi sono rinchiusa in casa non fregadomene più di niente e di nessuno, non sono più felice mi sento sconfitta perchè non sono stata in grado di reggere la tensione dell’ultimo esame e della tesi.
Ora chiedo a chi ne sa qualcosa più di me sui fiori di bach, come devo assumerli? Sono adatti a contrastare la mia situazione di apatia ed insofferenza?

Questa la risposta data (dibattito integrale):

…………………………………………………………………….

Ciao!

Il rescue remedy è una miscela composta dai seguenti fiori di Bach:

• Rock Rose
• Star of Bethlehem
• Cherry Plum
• Impatiens
• Clematis.

E’ definito rimedio di pronto soccorso in quanto risulta molto utile nelle situazioni di shock improvvisi, eventi traumatici i (incidenti, forti ed improvvise paure, ecc.).
Aiuta ad affrontare efficacemente e molto velocemente il trauma psico-emotivo che ne scaturisce.

Esce quindi dalla classica somministrazione dei fiori di Bach a scopo terapeutico; quindi non sostituisce la terapia individuale personalizzata con i Fiori di Bach volta, questa, ad affrontare le problematiche superficiali o che si sono cronicizzate nel tempo.

Quindi non va usato regolarmente ma solo per affrontare ed aiutare a risolvere l’evento accaduto nel breve termine.

Nel tuo caso specifico rispetto a ciò che riferisci, specie leggendo i dettagli aggiuntivi che hai lasciato ad Alessia (carattere ansioso), ritengo che il rescue remedy non sia la migliore delle soluzioni.

Ci sono infatti altri fiori di Bach che presi in combinazione possono aiutarti con una terapia di medio e lungo termine a sciogliere le cause primarie che ti bloccano in situazioni di ansia.

Molto meglio è se ti affidi ad un bravo terapeuta/naturopata che usa per la risoluzione di questi stati emotivi distonici appunto i fiori di Bach che risultano quindi un ottimale soluzione rispetto a quanto esponi.

Ma, ripeto, solo dopo attenta analisi e diagnosi attraverso una delle metodiche per la verifica della tua attuale situazione psico-emotiva: metodo di selezione attraverso il colloquio, questionario svolto da terapeuta (meno bene in autodiagnosi), analisi vibrazionale, test kinesiologico, analisid elle zone cutanee, ecc.

Le cause infatti che ti hanno portato a vivere questo tuo senso di disagio possono portare alla definizione di fiori di Bach molto differenti rispetto a quelli del composto rescue remedy.

Per cui con fiducia appoggiati ad un’erboristeria, ad un naturopata e/o terapeuta che ti guiderà in questo splendido sistema di riequilibrio dei nostri stati emotivi deviati.

Per quanto riguarda l’assunzione 4 gocce 4 volte al giorno ,sotto la lingua, del preparato con i fiori selezionati e predisposti in erboristeria o in farmacia in boccetta da 30 ml composta dalle essenze dei fiori, acqua e brandy per la conservazione.

Un cordiale saluto.

Matteo Pasqualini

 

…………………………………………………………………….

Se vuoi aggiungere un tuo commento sul tema relativo al “rescue remedy” è ben accetto.

Lascialo qui di seguito e sarà mio piacere risponderti.

A presto!


4 Responses to “rescue remedy: il rimedio di pronto soccorso”

  1. Freia ha detto:

    Ritengo che hai detto tutto su questo prodotto o meglio rimedio -pronto- soccorso…aggiungo solo una cosa che forse può essere d’aiuto alla lettrice “rescue remedy” lo puoi portare sempre con te ,anche se non contiene i fiori più adatti per il tuo probblema di ansia …ti può essere di sostegno nel momento che ti sentirai “in crisi” e prima di andare in panico utizza 4 gocce di rescue remedy sotto la lingua(questo è l’unico “fiore ” che non va diluito si usa direttamente), sicuramente ti sentirai meglio non dobbiamo dimenticare che fra i componenti di rescue remedy c’è star of bethlehem il fiore per eccellenza che “lenisce le ferite dell’anima”, quello che consola i non amati,e aiuta a vedere i lati positivi e piacevoli dell’esistenza. una mano sicuramente te lo darà.la mia esperenzia con questo prodotto rescue remedy si riferiscono all’uso che nè hanno fatto sia mia sorella (dopo una brutta caduta) e una mia amica ansia da visione del padre (ipercritico nei suoi confronti) ma il loro usa è stato breve il tempo giusto per superare lo schok! Spero di esserti stata utile…comunque cerca un buon terapeuta e la tua finestra sul mondo si aprirà e le tue paure svaniranno e la gioia prenderà il suo posto .Auguri Ciao matteo e grazie a presto!freia

  2. admin ha detto:

    Ottimo suggerimento Freia a completamento delle informazioni date in questo post.
    In effetti il rescue remedy può essere sicuramente anche di aiuto per prevenire o sopportare meglio anche stati ansiogeni o primi di una crisi. L’importante è che non diventi come un “medicinale” da prendere tutte le volte che ci troviamo in queste situazioni. In tal caso, come da te giustamente suggerito, il rischio è di eliminare il sintomo ma la causa resta li latente e prima o poi si ripresenterà.

    Per cui poi la classica terapia attraverso i fiori di Bach, che va ad aiutarci ad individuare le reali cause delle nostre problematiche psico-emotive (come appunto attacchi di panico, ansia, ecc.), non va assolutamente tralasciata; anzi va portata avanti magari appunto con il supporto del rescue remedy anche nei casi da te sottolinati.

    Grazie per il tuo contributo.
    Sei perfettamente entrata nello spirito di questo blog e te ne sono veramente grato.

    A presto!

    Matteo

  3. maurizia ha detto:

    uso regolarmente da anni, su consiglio di una amica, rescue in caso di contusioni o scottature mettendo le gocce direttamente nella zona interessata dal trauma con effetti incredibili, provate!

  4. LUISA F. ha detto:

    ciao a tutti,sono Luisa,sono infermiera e naturopata…uso da molti anni i fiori di Bach…e rispetto al rescue posso portare la mia personale esperienza di travaglio di parto x entrambi i miei figli…l’ho assunto con continuità e frequenza …ogni 15/20 minuti circa..con come conseguenza un ottima padronanza della situazione,mi sentivo lucida,non ho mai perso il controllo della situazione neanche nei momenti di maggiore dolore…lo consiglio spesso…anche x molto meno…ho molti riscontri positivi anche su crisi d’ansia,cefalee…palpitazioni..l’ho riutilizzato su di me durante una colica renale in cui il dolore così forte stava mettendo alla dura prova il mio autocontrollo…un saluto a tutti!! luisa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *